Specifiche tecniche comuni a tutti i Raccordi Rapidi ad innesto

  1. La porzione di gomma tra il foro ed il raccordo permette di installare perfettamente il raccordo, assorbendo le forze dovute ai colpi d’ariete ed adeguandosi perfettamente alle deformazioni delle condotte, evitando così rotture o perdite.
  2. La guarnizione realizza perfettamente la tenuta, aderendo alle superfici interna ed esterna del foro. L’aumento del diametro della guarnizione, nella parte interna della parete, fa sì che si raggiunga una perfetta tenuta stagna, anche ad elevate pressioni. Il raccordo si potrà riestrarre svitando il dado esternamente.
  3. Permette il serraggio della guarnizione e la sua ottimale Installazione, esercitando la tenuta sulla superficie esterna della parete.
  4. E’ il corpo centrale del raccordo. La scanalatura interna blocca la guarnizione nella parte superiore, mentre, tramite la filettatura si esercita la forza necessaria ad adeguarla perfettamente alla parete.
  5. E’ una semplice rondella che funge da cuscinetto, evita gli attriti che si creerebbero fra il dado e la gomma che potrebbero compromettere il corretto funzionamento dell’assieme.
  6. L’avvitamento del dado permette di modellare la guarnizione tramite la filettatura, garantendo una perfetta tenuta. Invertendo invece il senso di avvitamento, si può estrarre il raccordo.


spectec-Sezione

spectec-Esploso

Dimensioni Raccordo installato

spectec-Dimensioni spectec-Dimensioni-tab1 spectec-Dimensioni-tab2

RR-guarinzioneI Raccordi Rapidi ad Innesto Standard, sono forniti di guarnizioni Brevettate resistenti alla lacerazione ed alle radiazioni UV e dotati anche di certificazione FDA, per utilizzo con acqua potabile.

N.B.: Le indicazioni riportate sono relative all’utilizzo di serbatoi e condotte a contatto con acqua potabile.

Per valutare correttamente le performances delle Guarnizioni Brevettate, bisogna essere a conoscenza di parametri di impiego quali, pressione, temperatura ed elemento chimico a contatto.

Per elementi diversi dalle acque potabili, quindi chiedi informazioni al nostro reparto tecnico!

Caratteristiche degli elastomeri:

Proprietà generali

Peso specifico dell’elastomero greggio: 0,95 ÷ 1,00*
Peso specifico delle mescole derivate: 1,15 ÷ 1,50*
Durezza Shore A o IRHD ottenibile: 30 ÷ 95 (20)**
Temperatura minima di servizio: -15°C ÷ -30°C* (-40°C)*
Temperatura massima di servizio: +100°C ÷ +110°C* (+130°C)**

* a secondo dei tipi
** con formulazione specifica ottimale
 

Caratteristiche

Buone proprietà meccaniche
Buona resistenza alla deformazione permanente (compression-set)
Buona impermeabilità all’aria ed ai gas

 

Compatibilità e comportamento chimico

BUONA resistenza:

  • Olii e grassi minerali
  • Olii combustibili leggeri, gasolio
  • Idrocarburi alifatici
  • Olii e grassi vegetali e animali
  • Acqua calda (+ 100 °C), acqua di mare, soluzioni saline

MEDIA resistenza:

  • Carburanti con elevato contenuto di aromatici
  • Alcuni tipi di Freon
  • Soluzioni acide diluite
  • Fluidi idraulici a base petrolifera
  • Lubrificanti sintetici a base di diesteri

SCARSA resistenza:

  • Benzene ed idrocarburi clorurati
  • Idrocarburi aromatici (benzolo)
  • Fluidi idraulici a base di esteri fosforici
  • Diversi liquidi per freni a base glicola

Si possono confezionare mescole con formulazione specifica per ottimizzare le caratteristiche chimico-fisiche per impieghi gravosi per migliorare le prestazioni.

Caratteristiche ottone:

spectec-materiali-tab1

N.B.: Le indicazioni riportate sono puramente indicative, per valutare correttamente l’impiego bisogna essere a conoscenza di vari elementi, quali, la pressione, la temperatura e la concentrazione dell’elemento chimico a contatto. Per elementi diversi dalle acque potabili, chiedi informazioni al nostro reparto tecnico.

 

Caratteristiche polipropilene:

PP-PN10

Pressione di esercizio: 10 bar a 20°C
Temperatura Max di esercizio 80°C
Temperatura Minima di esercizio -5°C

  • Eccellente resistenza meccanica ed all’urto con notevoli fattori di sicurezza
  • Buona resistenza alla trazione, compressione e flessione
  • Affidabilità: buona grazie all’impiego combinato di materiali diversi di altissima qualità
  • Durata nel tempo grazie alla struttura del polipropilene che resiste alle sollecitazioni termiche e meccaniche, agli agenti atmosferici ed ai raggi UV
  • Buona resistenza chimica: resiste al contatto con soluzioni acquose di sali inorganici, acidi deboli inorganici e soluzioni alcaline, alcool e alcuni oli. inoltre mantiene elevate caratteristiche meccaniche anche nel trasporto di detergenti e prodotti chimici similari.
  • Isolante elettrico: materiali elettricamente isolanti resi immuni da fenomeni di corrosione elettrochimica e da perforazioni causate dalle correnti vaganti.
  • Assoluta Atossicità: il PP offre completa compatibilità anche nel trasporto di fluidi alimentari, acqua potabile e da potabilizzare, di acque demineralizzate secondo le vigenti norme nazionali ed internazionali.
  • Buona resistenza all’abrasione secondo la norma DIN 53516 (su richiesta)

PP-PN6

Pressione di esercizio: 6 bar a 20°C
Temperatura Max di esercizio 80°C
Temperatura Minima di esercizio -5°C

  • Eccellente resistenza meccanica ed all’urto con notevoli fattori di sicurezza
  • Buona resistenza alla trazione, compressione e flessione
  • Durata nel tempo grazie alla struttura del polipropilene che resiste alle sollecitazioni termiche e meccaniche, agli agenti atmosferici ed ai raggi UV
  • Buona resistenza chimica: resiste al contatto con soluzioni acquose di sali inorganici, acidi deboli inorganici e soluzioni alcaline, alcool e alcuni oli. inoltre mantiene elevate caratteristiche meccaniche anche nel trasporto di detergenti e prodotti chimici similari.
  • Isolante elettrico: materiali elettricamente isolanti resi immuni da fenomeni di corrosione elettrochimica e da perforazioni causate dalle correnti vaganti.
  • Assoluta Atossicità: il PP offre completa compatibilità anche nel trasporto di fluidi alimentari, acqua potabile e da potabilizzare, di acque demineralizzate secondo le vigenti norme nazionali ed internazionali.

Condizioni massime d’esercizio:

Diagramma della variazione della pressione in funzione della temperatura per acqua o fluidi nei confronti dei quali PP sono classificati chimicamente idonei

spectec-materiali-tab3